Purè di fave con bietoline, formaggio canestrato Pugliese e peperoncino.

standard 14 novembre 2017 Leave a response

Oggi vi propongo un piatto della nostra tradizione Pugliese pero’ leggermente rivisitato a modo mio. Solitamente per questo piatto della tradizione vengono utilizzate le cicorielle selvatiche oppure quelle coltivate o qualcuno utilizza anche la catalogna, io ho preferito utilizzare delle buone bietoline che sono anche piu’ facili da reperire. Basta veramente poco tempo per prepararlo specie se ci si organizza per tempo con l’ammolo delle fave . Io consiglio di utilizzare le fave decorticate ma se avete quelle intere vi basterà togliere la buccia dopo l’ammollo…porta via tempo!!!In periodo di fave fresche questo piatto si puo’ ugualmente preparare ed avrà un gusto completamente diverso…Provate e fatemi sapere se vi è piaciuto. Read More

Le rosette all’Emiliana.

standard 23 ottobre 2017 2 responses

E si riprende il gioco dello scambio ricette…Questa volta sono andato a curiosare nel blog di Barbara “Un giorno senza fretta“. Sono stato subito affascinato dalle foto bellissime che fanno venir voglia di assaggiare ogni piatto proposto. Tra le tante ricette di Barbara,  ho scelto di replicarne una tipicamente Emiliana,  cercando di interpretarla nel migliore dei modi e mettendoci qualcosa di mio. Ho scelto per ragioni pratiche e di velocità di usare una sfoglia all’uovo pronta di produzione industrale,  ma se voi avete tempo preparatela a casa . Come sempre io ho inserito qualche ingrediente di mio gradimento,  ma se voi volete seguire fedelmente la ricetta Emiliana di Barbara la trovate Qui. Ora ci tocca andare in cucina per preparare questo gustosissimo primo piatto. Read More

Risotto con pomodori al forno alla pugliese e fonduta di caciocavallo podolico.

standard 9 agosto 2017 Leave a response

Ho pensato e ripensato a questo risotto e poi alla fine l’ho finalmente preparato. In realtà questo piatto nasce dalla voglia di preparare i pomodori al forno alla pugliese che solitamente rappresentano il condimento per una pasta espressa o meglio ancora gratinata in forno. Questo salsa è veramente un concentrato di bontà specie se si riesce a prepararla in una pentola di coccio e magari cuocerla direttamente sui carboni con il metodo antichissimo del forno di campagna. Io questa volta mi sono accontentato del mio forno casalingo anche perchè ho preparato una porzione solo per me … In famiglia non amano questo piatto!!! Sono un folle…lo so! Ho preparato un risotto con soli 120 g di riso,  una porzione solo per me ! Ma vuoi mettere la soddisfazione quando un’idea si concretizza e nel migliore dei modi? A me è piaciuto e ve lo consiglio. Se poi non amate i risotti,  potete usare semplicemente la salsa di pomodoro al forno per condire una pasta espressa completandola con le scaglie di tanto buon caciocavallo podolico. Beh ora seguitemi nella preparazione di questa ricetta… Read More

Risotto con salmone affumicato e crema di stracciatella.

standard 2 maggio 2017 4 responses

Questo risotto è nato così per caso,  in una di quelle giornate in cui corri e non hai il tempo di fare la spesa e di solito si apre il frigorifero e ci si arrangia con cio’ che si ha. A me è andata proprio così! Avevo in frigorifero della stracciatella con della gustosa panna, un bel po’ di brodo vegetale che avevo preparato qualche giorno prima e una confezione di salmone affumicato scozzese , in dispensa c’era anche del riso vialone nano. La ricetta è fatta!!!E’ inutile nasconderlo avevo voglia di risotto, percio’ l’avrei comunque preparato con cio’ che il mio frigorifero offriva. Vi diro’ che alla fine dopo l’assaggio sono rimasto soddisfatto. In questo caso ha giocato un ruolo importante la scelta dei pochi ingredienti che avevo a disposizione . Per esempio, la scelta del riso è fondamentale ma non da meno è quella del vino che deve essere usato per sfumare il riso, infatti molte volte  si ha l’abitudine di usare il primo vinello che si ha tra le mani senza dare a questa operazione la giusta valenza. Io sono dell’opinione che  bisogna scegliersi un buon vino e di qualità, perchè poi la differenza a piatto finito si farà sentire dal punto di vista del gusto e dei profumi. Io avevo appena aperto una bottiglia di Gavi DOCG Pisè dell’Azienda Agricola La Raia , un vino piemontese biodinamico. Per me è stata una piacevole scoperta che mi è servita non solo per la preparazione di questo risotto,  ma anche per pasteggiare durante il pranzo. Ora pero’ tocca andare in cucina altrimenti oggi non si mangia!! Read More

Cappellacci di patate e funghi porcini con fonduta di taleggio.

standard 15 marzo 2017 Leave a response

Indovinate un po’ dove sono andato a curiosare questo mese? Curiosi vero? Il giochino dello scambio ricette oramai è diventato per me un appuntamento fisso che mi ha permesso di conoscere tante nuove amiche appassionate come me di cucina e di tutto cio’ che gira attorno ad essa. Questo mese sono stato abbinato a Gaia Sera del Blog “Burro e Malla”. “Echevelodicoaffare” che c’era l’imbarazzo della scelta tra mille ottime ricette corredate da foto fantastiche. Insomma piatti che si fanno mangiare prima con gli occhi e poi con la bocca!!! Tra le tante ho scelto una ricetta che mi ha permesso di riassaporare i funghi porcini . Peccato che ho dovuto usare quelli surgelati perchè sicuramente questo piatto avrebbe avuto una marcia in piu’ con i porcini freschi. Qui da noi in Puglia sono merce rara percio’ pazienza…Non ho voluto stravolgere la ricetta di Gaia percio’ ho solo dimezzato le dosi per confezionare 30 cappellacci belli grandi . Viste le generose dimensioni ho pensato di metterne 5 per piatto anche perchè la fonduta è bella ricca di gusto e sostanza, mio figlio ha protestato perchè erano un po’ pochini percio’ si è riservato un’altra porzione per il giorno seguente. E’ inutile dirvi che questo piatto è una esplosione di gusto e di tanto sapore e profumi di bosco percio’ lo consiglio a tutti coloro che amano i funghi ed i sapori intensi. Come sempre provate questa ricetta e fatemi sapere cosa ne pensate..A me è piaciuta tantissimo!! Read More

CONSIGLIA Sarde a beccafico senza glutine