Il Panettone Classico Homemade.

standard 18 dicembre 2012 15 responses
Finalmente mi sono deciso a preparare il panettone, dopo tanto cercare e tanto chiedere mi sono deciso a realizzarlo prendendo spunto da un’ottima ricetta che ho letto sul blog della mia cara amica Tina “Le ricette di tina”  . Seguo da tempo questo blog perchè propone ricette facili, semplici e veloci percio’ quelle che piacciono a noi che non abbiamo tanto tempo! L’idea di accorciare questa lunga e laboriosa preparazione  sinceramente è stata determinante per me, infatti all’inizio ero un po’ scettico ma poi sabato pomeriggio mi sono deciso….. e l’ho fatto!Memore della disfatta dell’anno scorso quando è venuto fuori dopo 2 giorni di lavorazione,  un panettone con annesso basco ovvero la cupola si è inclinata e versata su di un lato, ho cercato di porre piu’ attenzione . Ma tutto è andato bene fino a quando il panettone non è stato infornato. Sapete cosa è successo? Dopo circa 7-8 minuti di cottura sento mia figlia urlare …..papà, papà….il panettone è esploso!Ma che sarà successo mai! Guardo nel forno e vedo che un quarto della cupola si era completamente staccata ed era scivolata su di un lato. Che fare? Ho aperto il forno e con un saper fare chirurgico ho riposto il pezzo staccato sulla zona da cui era venuto via. Per effetto della straordinaria lievitazione,  la cupola si era così rigonfiata tanto da  far aprire i 4 lembi di impasto ed uno si era staccato. Ho proseguito la cottura promettendomi di usare meno impasto in quel tipo di stampo , di evitare che nella lievitazione l’impasto fuoriuscisse dal bordo superiore della forma di carta e di dare un taglio a croce meno profondo e solo per pochi centimetri al centro della cupola. Risultato ! Vedrete, vedrete… e vi farete un sacco di risate ! Panettone a forma di cappello da chef! Di una cosa pero’ voglio rassicurarvi ….era (parlo al passatto perchè è finito in un batter d’occhio)morbidissimo e buonissimo e poi…l’ho fatto io!  Io l’ho preparato senza canditi e uvetta per accontentare bambini e moglie. Vi invito a provarlo,  si realizza in un pomeriggio e  bastano 4-5 ore in tutto. A voi la mia libera reinterpretazione di questa stupenda ricetta . 
E ….grazie a Tina per la ricetta e a Vale ed ad Annaferna perchè mi hanno sostenuto e motivato nell’impresa.
Panettone Classico homemade.
Ingredienti:
  • 250 g di semola rimacinata
    per pasticceria
  • 250 g di farina 00
  • 250 ml di latte + il succo di
    mezza arancia
  • 120 g di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di miele
  • 120 g di burro (20 g per
    spennellare)
  • 4 tuorli d’uovo
  • 7 g di lievito di birra
    fresco
  • 1 limone
  • 1 arancia
  • 2 bustine di vanillina
  • canditi
  • uvetta
  • zucchero in granella
Preparazione:
Riscaldare
leggermente il latte e poi versarlo in un boccale con il succo di mezza arancia
.
Se
usate l’uvetta, metterla  in ammollo in
acqua tiepida e poi strizzarla e infarinarla prima dell’uso.
Sciogliere in poco latte tiepido
il lievito di birra aggiungendo mezzo cucchiaino di zucchero.
Versare nella ciotola
dell’impastatrice le farine setacciate, lo zucchero a velo, la vanillina,  2 tuorli d’uovo, il lievito di birra
sciolto, il latte con il succo d’ arancia, la buccia grattugiata dell’arancia e
del limone ed il miele. Lavorare l’impasto a media velocità per almeno 2 minuti
poi aggiungere uno per volta gli altri tuorli fino al loro assorbimento completo.
Continuare a lavorare per altri 2-3 minuti poi aggiungere il burro a piccoli
tocchetti  ed un pizzico di sale e
impastare per altri 10-15 minuti fino a che l’impasto non risulta ben incordato
ed elastico. In caso di aggiunta dei canditi e dell’uvetta,  aggiungerla verso la fine ricordandosi di
infarinarla leggermente. Versate l’impasto preparato in una ciotola e
lasciatelo lievitare per 2 ore,  fino al
raddoppio
. A lievitazione avvenuta versate l’impasto sulla madia infarinata e
sgonfiatelo con le mani.  Pesare
l’impasto saranno circa 1100 g . Staccare un pezzo da circa 700 g  e metterlo nello stampo di carta, incidere
leggermente la superficie e far lievitare fino a quando non arriva al bordo dello stampo.
Lo stampo va comunque poggiato per comodità in una teglia da forno. Serviranno
almeno altre 2 ore.
Prima di
infornare il panettone pennellare la superficie di burro fuso e zucchero e coprire
con zucchero in granella. 
Scaldare il forno a 180°C infornate
il panettone e dopo 10 minuti di cottura abbassare a 160°C e continuare per
altri 20-25  minuti.
 Se dovesse scurire troppo coprire con carta stagnola. Fate
la prova dello stecchino per verificarne la completa cottura e poi sfornare.
Lasciatelo raffreddare un po’ e poi infilzate 2 spiedoni di legno a circa 4-5
cm dalla base e fate continuare il raffreddamento a testa in giù . Consiglio di
utilizzare un tegame grande e alto che servirà per sospendere il panettone a
testa in giù. Una volta freddo conservarlo in una busta di cellophane.
Con questo impasto si
possono realizzare o 2 panettoni da 500 g cad. oppure un panettone grande da 1
kg oppure uno medio e 3 panettoncini piccoli.
Prima della cottura
dopo la cottura….  (scattano le risate!!!)

Morbidissimo!!!
Buonissimo e profumatissimo!!!
 
Comunque io non mi arrendo ! A breve ho intenzione di replicare questa preparazione sperando di fare meglio.

Related Posts

15 responses

  • Bè dai.. a parte l'esplosione mis embra sia venuto benissimod entro! Io invece.. ho fallito anche il 2° tentativo.. Un panettone secco.. insipido.. l'ho buttato.. Quest'anno mollo.. basta :-(.. Buona giornata

  • Peppe si vede che è o meglio dire era morbidissimo, ben lievitato! Gli incidenti possono capitare ma il risultato è eccellente!

  • ciao Peppe
    si vede che è cresciuto benissimo…..farò anche questa versione che come ho letto nel post linkato proviene da Vicky…un'altra certezza!! ^_^
    però posso dirti due cose?: la croce sull'impasto falla prima di infornare , spennella di burro fuso e metti a testa in giù appena lo esci dal forno…non aspettare….
    baci
    p.s.
    se vuoi farlo 2 gg prima appena freddo fascialo benissimo nella pellicola.
    aufff che fatica sti panettun!!! ^____^

  • Eccoloooo! 😀 Peppe, che ti importa della forma… sei stato bravissimo! 😀 Ti faccio i miei complimenti, ci credo che è finito subito! 😀 Un abbraccio e grazie a te 🙂 Buona giornata! P.s.: ricordi, dissi che avrei provato il pandoro quest'anno ma devo fare tante altre cose e il tempo è pochissimo… mi sa che rimando al prossimo anno! 🙁

  • Beh Peppe, se tu non l'avessi detto avremmo pensato che la forma (stupenda) era stata voluta da te in questo modo! Fa sorridere, sì, ma alla fine il panettone è riuscito benissimo a quanto vediamo, l'importante è il sapore! Teniamo la tua ricetta e ci proviamo anche noi, 4 o 5 ore sono un tempo fantastico!
    Bacioni e auguri in anticipo di Buon Natale
    Sabrina&Luca

    • Grazie a voi della visita e deicomplimenti. Provatela perchè è una ricetta molto versatile poi prossimamente postero' un altra cosetta che ho realizzato con lo stesso impasto. un abbraccio e sereno natale anche a voi!Peppe.

  • Si vede proprio che è sofficissimo… Bravo Peppe!
    Un abbraccio

  • Ciao Peppe forse è perchè non hai fatto la croce?non saprei però mi hai fatto morire dal ridere ahahahah..ciaoo e grazie

  • bello sofficioso, un abbraccio SILVIA

  • Ma dai è perfetto….io proprio non ce la posso fare ancora non riesco a cimentarmi….un caro saluto Peppe vado!
    Z&C

  • Semplicemente spettacolare ! Avevo in mente di provarci..ma mi manca il tempo..:(

  • Ciao Peppe! Il tuo panettone è magnifico e devo dire che anche le altre ricette dolci che hai pubblicato sono molto interessanti…per cui continua pure a fare dolci….intanto copio il tuo panettone? Mi avevi chiesto come avevo fatto a fare l'olio vanigliato …semplicemente mettendo un baccello di vaniglia ben aperto in olio di oliva….provalo è davvero squisito!
    A presto!

  • Leave a Response

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CONSIGLIA Sarde a beccafico senza glutine